CD de Lu Trainanà | Credenza Popolare | Back Stage | Set Photo

Forse non lo troverete scritto sul libretto del CD, ma molte delle foto e immagini che accompagnano il Cd de Lu Trainanà, Credenza Popolare, comprese alcune all’interno e molte di quelle utilizzate per manifesti, biglietti da visita, sono foto scattate da Soggetti al Popolare.
Questa per esempio:

Credenza popolare Trainanà (7)

Lu Trainanà – Soggetti al Popolare 2012 credits #soggettialpopolare

Le foto sono scattate fra il dicembre del 2011 e il febbraio 2012, nel museo della Memoria Contadina, ospiti del signor Amleto e signora, a due passi fra Petritoli e Monte Giberto.
Un luogo pieno di angoli e stretti corridoi, in cui ambientammo con Lu Trainanà, fra arnesi e ricordi e memorie, il set.

Scrivevo a Marco Meo il 14/05/2012

La credenza de nonna è un mobile de legno pieno, co’ venature scure.

Nonna nella credenza ci mette un po’ di tutto.
Ma Nonna non metteva ogni cosa come mischietto, senza differenza per posto e per vicinanza: nella credenza de nonna c’è tutto quello che serve per mangiare, preparare e servire; ci sono le foto de nonno in guerra, dei figli e dei nipoti che crescevano; bottigliette di amaro, panettoni e spumantini d’annata, dischi e medaglie.

Ecco alcune foto di come è stato allestito lo spazio e preparate le luci, usati e allestita la sala con gli strumenti a formare l’immagine degli strumenti appesi.

 

Ecco quindi che lo spazio prendeva forma, anche se la prima serie risultava troppo fredda nei toni.
Fredda come una serata di neve, in cui rimani intorno al fuoco ad Aspettare.

Tornammo a Marzo.

 


Tutti i sapori sparsi, qualche arnese, contenitori, piatti e bicchieri, farina, tovaglie e posate d’argento; qualche lira, ancora, che non se sa mai.

Quando venne il terremoto sentiì la Credenza de Nonna che suonava ch’era un piacere.

La credenza di nonna sembra immobile: Eppure tutti li jiorni è un caccia e metti.

Uno sposta e ammucchia, ma con ordine nel poco spazio che c’è rimasto.

La credenza di nonna è una credenza popolare.

Nonna dice il rosario tutti i giorni e ogni giorno pare sempre uguale, ma ogni giornu gli passa differente.  È come giocare un solitario a carte:
“un jiornu te vène e l’altru te ‘ppennica, un jiornu te passa e l’altru sta fermo.”
La Credenza popolare è come una strofa di saltarello: che un jiornu la canti e l’altre te se strozza in gola,  fra ‘na sillaba e ‘n’altra.

Nonna ci raccontava le storie, le sue e quelle de lu vicinatu, de lu re e de lu papa, de la vigna zorfata, l’amori perduti e trovati.

Tutti li jiorni noialtri picculi, sempre più granni, ‘rtorneamo a  ‘scordalle.

Anche la credenza de Lu Trainanà è una credenza popolare, che sòna come lu terremotu quanno ‘ttacca lu sardarellu.

 

Anche la Credenza Popolare de Lu Trainanà è una credenza de legno pieno, in cui tutto ce càpe e glie dà sapore e colore: lu violone de Giovanni Cofani de Fabriano e le voci de Force di Walter Bianchini, il ritmo e le serenate de Citanò de Danilo Campetelli e le strofe e le storie de Marco Meo de Caldarola.

A dilla cuscì pare un mischietto, ma un mischietto non è; a dilla cuscì pare ch’è una cosa ch’è passata e adè vecchia, ma tutti li jiorni, per chi l’ha ascoltata, ogni volta pare più fresca.

Anche la credenza de Lu Trainanà è una credenza popolare: è come lu rosariu de nonna che ogni jiornu se ripassa, se sliscia e se studia, se roppe e se lascia, se caccia e se mette.
Le rose, come lu rosario, te parla tutto: de amore e de guerra, de primavera e d’inverno, de morte e de vita, de garbugli, de lisci, de bussi e pure de fregna.

La Credenza Popolare è una cosa che ce credi solo se la senti: è come la passione, che senza parla, te rimescola e te commanna de ‘rtorna’ nei posti in cui già ce sei stato, pe’ vedè co’ li stessi occhi le cose che non avevi veduto, co’ le stesse ‘recchie le cose che non avevi ascoltato e co’ lu stessu còre le còse che avresti più amato per sempre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...