La ruzzola e la rivoluzione

Ruzzola Lancio | Camerino | Silvano Merlini della Caldarola- Cessapalombo (MC)

La ruzzola è una cosa che gira; anche il mondo è una cosa che gira. Il mondo gira su se stesso e intorno a una stella; la ruzzola gira su se stessa e intorno a un corpo celeste. Qualche volta la ruzzola finisce in un tombino, in una forra, dentro gli anfratti di fronde più scure, acquattata fra una zolla rivoltata e un sasso che tanto gli somiglia. Anche il mondo sembra sempre sull’orlo di finire in un buco senza fondo e qualcuno dice che prima o poi ci finiremo. Nel mondo c’è sempre qualcuno che predica la fine e c’è sempre qualcun altro che alza il tiro della minaccia, magari dicendoci la fine verrà presto e dopo averci elencato le pene ci ribadirà come un peccato non porterà che a dannazione. Nel mondo, insomma, si fa peccato, pena e penitenza. Qualcuno gode, si sa, ma si contano sulle dita delle mani. Da questo ragionamento mi parve di dedurre, un giorno, che la ricchezza non dovesse essere che un errore infinitesimale che, ahimè, però, manda il mondo alla rovescia.

Ruzzola | Squadra Caldarola Cessopalombo

Anche la ruzzola è rovescio ed errore infinitesimale, morte ed espiazione. La ruzzola è il rovescio dei sensi: la ruzzola è cagnara, è peccato che rimanda all’altro lancio; è fatalità di un sasso che sporge, di una parola di troppo, di una cunetta nell’ombra, di una mancanza improvvisa, di uno slancio troppo confuso. La ruzzola è la parabola della casualità, dell’errore veniale. e con esso un rosario di pene, di peccati e di lagnanze strascicate che ne discende. La ruzzola è come morire quando la testa è annebbiata dall’ossigeno che non sale. ma al tempo medesimo ti spinge a lanciare comunque e ti slega il braccio al solo pensiero che oggi, solo oggi, solo per te, la scarogna si girerà dall’altra parte. Questo pensiero di salvezza ti sfiora soltanto, all’inizio, ma cominci a crederlo vero come il mondo quando i palpiti della ruzzola che si spaga non piega eccessivamente il volo, quando salta giusta, si impiglia nella linea immaginata dalla mente, prende l’abbrivio, salta la buca. Ecco allora che l’altro mondo si apre negli occhi del giocatore: quando ormai, al di là, lontana, la ruzzola s’accascia oltre l’ultimo paletto pensato come frontiera.

Camerino | Paesaggio

La ruzzola è come il mondo: gira e tutto sembra che vada alla rovescia. La ruzzola è come il mondo che s’accascia e fa peccato; qualcuno fa la penitenza, altri ci riprovano, altri non ci hanno mai pensato. Anche il mondo, come la ruzzola, promette espiazione dalla sorte al prossimo lancio, senza però poter promettere successo. Per questo ho sempre pensato che mi insegnarono la storia della ruzzola che girò il mondo, lo girò alla rovescia e quando fu sul punto di accasciarsi nel medesimo luogo da cui era partita, gli parve una rivoluzione.

(La Ruzzola è un gioco tradizionaleringrazio la squadra di Caladarola – Cessapalombo per avermi dato l’opportunità di scattare queste foto)

Annunci

Un pensiero su “La ruzzola e la rivoluzione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...